Storia della Psicologia
Storia, eventi e protagonisti della Psicologia
Formazione in Marketing per Psicologi

11 dicembre 1858 – nasce Benno Kerry

A Vienna, l’11 dicembre 1858 nasce Benno Kerry: Filosofo e Psicologo austriaco.

Kerry studiò con Ernst Laas e Otto Liebmann a Strasburgo e dal 1877/78 con Franz Brentano a Vienna.
Nel 1881 ottenne il dottorato con lo scritto “Ricerche sul problema della causalità sulla base delle teorie relative di J.St. Mill”.
A Vienna, nel circolo della Scuola di Brentano divenne amico di Alois Höfler.

Nel 1885 conseguì l’abilitazione come Privatdozent a Strasburgo con lo scritto “Fondamenti di una teoria dei concetti-limite matematici e non-matematici. Un contributo all’epistemologia” e divenne assistente del neokantiano Wilhelm Windelband.

Kerry fu influenzato da Bernard Bolzano e divenne un importante mediatore delle sue teorie.
Fu tra i primi studenti di Brentano (assieme a Meinong e Höfler) a distinguere nettamente tra contenuto e oggetto.

linea

11 dicembre 1932 – nasce Richard Sipe

richard-sipeA Robbinsdale, l’11 dicembre 1932 nasce A. W. Richard Sipe: Presbitero, Psicoterapeuta e Scrittore statunitense.

Divenne monaco benedettino e nel 1959 fu ordinato prete. Dopo aver servito la Chiesa cattolica per 18 anni, lascia l’abito talare nel 1970.

Attualmente dedica la sua ricerca completamente allo studio della sessualità e del celibato dei preti e vescovi cattolici.

Dal 1988 al 2006, Richard Sipe è stato consulente in 250 casi processuali di abuso di minori da parte di preti negli Stati Uniti e nel Canada.

Nel suo libro “Mondo segreto: sessualità e indagine sul celibato“, Sipe conduce una approfondita analisi scientifica del comportamento sessuale dei preti cattolici e dei loro superiori.

Analizza 1500 interviste da cui risulta che il 6% dei preti ha rapporti con minori, il 20/25% frequenta sessualmente donne e il 15% uomini.

linea

11 dicembre 1979 – muore James Gibson

james-jerome-gibsonA Lovanio, l’11 dicembre 1979 muore James Jerome Gibson: Psicologo statunitense.

E’ considerato uno dei più importanti psicologi del XX secolo nel campo della percezione visiva.

Studiando la percezione per conto dell’aeronautica militare degli USA durante la seconda guerra mondiale, sviluppò l’idea che negli oggetti in movimento esistono maggiori stimoli visivi rispetto a quelli statici.

Inaugurò una nuova matrice di ricerca in campo percettivo che definì ottica ecologica.
I suoi concetti fondamentali sono la percezione non mediata da altri processi mentali, di invarianti percettivi che rimangono costanti al variare della percezione.

Nonostante le critiche da parte di altri psicologi, l’approccio ecologico divenne un fattore fondamentale per i successivi studi sulla percezione: essa non verrà più studiata solamente in ambito strettamente di laboratorio, ma soprattutto in circostanze ambientali quotidiane.

La psicologia sta ancora tentando di definire la percezione degli oggetti nello spazio e di capire i colori
James Gibson

linea

11 dicembre 1991 – muore Mario Tobino

 Ad Agrigento, l’11 dicembre 1991 muore Mario Tobino: Scrittore, Poeta e Psichiatra italiano.

Dopo la laurea in medicina, si specializza in neurologia, psichiatria e medicina legale, e incomincia a lavorare all’ospedale psichiatrico di Ancona; durante la sua permanenza in questo luogo di sofferenza e di disagio compone anche una serie di poesie che verranno poi pubblicate.

Ritornato in Italia, dopo essere stato chiamato alle armi sul fronte libico durante la seconda guerra mondiale, riprende a lavorare negli ospedali psichiatrici, prima a Firenze, poi a quello di Maggiano in provincia di Lucca.

Nel dopoguerra Tobino si dedica con tutte le sue forze morali e spirituali alle sofferenze dei malati di mente, e contemporaneamente prosegue la sua attività di scrittore.

Solo stando solo un uomo è libero, cioè è lui
Mario Tobino

linea

1 dicembre 2010 – muore Thorwald Dethlefsen

thorwald-dethlefsenA Vienna, il 1 dicembre 2010 muore Thorwald Dethlefsen: Psicoterapeuta, Filosofo, Esoterista e scrittore tedesco.

Studioso di psicologia, Thorwald Dethlefsen si è interessato inizialmente all’ipnoterapia, divenendo celebre per alcuni esperimenti di ipnosi regressiva, condotti a partire dal 1968, con cui sosteneva di far rivivere ai suoi pazienti non solo momenti della loro infanzia e vita intrauterina, ma anche di vite passate, rammentate in stato di trance.

Ha fondato a Monaco di Baviera l'”Istituto Privato di Psicologia Straordinaria“, dove ha messo in pratica la sua “terapia della reincarnazione“, mirante a ricercare le cause pregresse delle malattie o dei sintomi fisici in una colpa karmica originatasi in esistenze passate, cercando di rimuoverla tramite una presa di coscienza della problematica scatenante.
A tal fine egli ha abbandonato il metodo dell’ipnosi per far rivivere ai suoi pazienti in piena consapevolezza il ricordo del momento in cui in una precedente incarnazione si è generata la colpa.

Un sintomo è un segnale che calamita attenzione, interesse ed energia e mette quindi in discussione tutta la normale esistenza. Un sintomo esige da noi osservazione, che lo vogliamo o no
Thorwald Dethlefsen


E tu... cosa ne pensi?