13 Marzo

0
352
Formazione in Marketing per Psicologi

13 marzo 1950 – nasce Charles Krauthammer

charles-krauthammerA New York, il 13 marzo 1950 nasce Charles Krauthammer: Giornalista e Psichiatra statunitense.

Durante il periodo di studi universitari di medicina ad Harvard ebbe un gravissimo incidente in piscina, che lo lasciò paralizzato e per ben 14 mesi rimase in Ospedale.
Ciò non gli impedì, nel frattempo, di completare nel 1975 la formazione da psichiatra, praticando la professione al Massachusetts General Hospital.

Pubblicò diversi saggi scientifici, inclusa la scoperta di una forma di disturbo bipolare, che è tuttora citata nella letteratura psichiatrica.

Krauthammer ha poi abbandonato la professione medica, orientando i suoi interessi al giornalismo politico.

I grandi leader sono disposti a ritirarsi non amati e impopolari come prezzo da pagare per il loro duro lavoro
Charles Krauthammer

linea

13 marzo 1990 – muore Bruno Bettelheim

bruno-bettelheimA Silver Spring, il 13 marzo 1990 muore Bruno Bettelheim: Psicoanalista austriaco.

I suoi studi si incentrano sulla psicoanalisi applicata all’età evolutiva.
In particolare ebbero successo le sue teorie sull’autismo.

La sua ipotesi attribuiva la causa dell’autismo a un rapporto inadeguato con la madre (la cosiddetta madre frigorifero), da cui si doveva essere staccati per una terapia riabilitativa (la cosiddetta “parentectomia)”.

Nel suo celebre e discusso La fortezza vuota, Bettelheim correlava anche il comportamento dei bambini autistici a quello di alcune vittime delle SS nei lager nazisti, quelli che erano totalmente rassegnati alla morte e si ritiravano completamente dal mondo.

Sostenne la scarsa utilità o addirittura la nocività di un approccio educativo basato sul metodo delle punizioni, in particolare di tipo fisico, benché sia emerso negli anni successivi che nel suo Istituto di Chicago si facesse largo uso di sevizie sessuali e di barbarie per mantenere l’ordine.

Si interessò anche alle fiabe. Nel suo libro Il mondo incantato sostiene che le fiabe dei fratelli Grimm siano rappresentazione di miti freudiani.

I due grandi problemi dell’adolescenza sono: trovarsi un posto nella società e, allo stesso tempo, trovare se stessi
Bruno Bettelheim

linea

13 marzo 1993 – muore Gaetano Kanizsa

A Trieste, il 13 marzo 1993 muore Gaetano Kanizsa: Psicologo e Pittore italiano.

Si iscrisse alla facoltà di filosofia dell’università di Padova, dove Cesare Musatti lo introdusse alla psicologia. Si laureò con una tesi sulle immagini eidetiche, subito pubblicata dall’Istituto veneto di scienze, lettere ed arti.

Divenne ricercatore all’Istituto di Psicologia del CNR e successivamente affiancò Musatti al Laboratorio di psicologia della Olivetti dove rimase sino al 1947, quando ottenne un posto di assistente all’università di Firenze.

Poco dopo divenne assistente dello stesso Musatti all’università di Milano.
Dal 1953 fu professore ordinario all’università di Trieste dove fondò l’Istituto di Psicologia.

Laureatosi a Padova con Cesare Musatti, divenne uno dei protagonisti della psicologia sperimentale italiana.

Fu esponente della tradizione della psicologia della Gestalt e acquisì fama internazionale con la pubblicazione di un articolo sui Subjective Contours su Scientific American nel 1976.

linea

13 marzo 2004 – muore Thomas Adeoye Lambo

thomas-adeoye-lamboIl 13 marzo 2004 muore Thomas Adeoye Lambo: Psichiatra nigeriano.

Laureato in medicina in Gran Bretagna, Lambo ritornò in Nigeria dove propose di aggiungere, ad una struttura sanitaria già esistente, un “villaggio” terapeutico, e un ospedale aperto per le emergenze psichiatriche, noti con il nome di Aro, a Abeokuta.

L’obiettivo era quello di creare un sistema di accoglienza e di cura psichiatrica ispirato ai modelli europei, sfidando lo scetticismo di molti connazionali che erano ancora legati ai guaritori tradizionali e alla fitoterapia locale.

Lambo riuscì nell’impresa di coniugare le più moderne tecniche e le conoscenze moderne con le pratiche e le credenze della religione tradizionale e le medicine native.


E tu... cosa ne pensi?