14 Giugno

0
218
Formazione in Marketing per Psicologi

14 giugno 1864 – nasce Aloysius “Alois” Alzheimer

alois-alzheimerA Marktbreit, il 14 giugno 1864 nasce Alois Alzheimer: Psichiatra e Neuropatologo tedesco.

Alzheimer fu il primo a descrivere un caso di “demenza senile“, malattia successivamente definita da Kraepelin malattia di Alzheimer.

La sua carriera inizia quando, dopo la laurea in medicina, nel 1888 accetta un posto da medico assistente per la Clinica Psichiatrica Irrenanstalt di Francoforte sul Meno, il suo capo è il grande Emil Sioli, il più famoso psichiatra di lingua tedesca dell’epoca, e Franz Nissl è il suo fidato collega.

I tre sono in condizione di trasformare la clinica in un ospedale psichiatrico con caratteristiche di sanatorio: introducono il principio di non restraint.

Oltre l’impiego di questo metodo, della terapia del colloquio, l’altro grande contributo è la ricerca delle cause organiche delle malattie della mente.
Per il giovane Alois la collaborazione con Nissl è una vera fortuna, essi sono i fondatori della istopatologia della corteccia cerebrale.

Agli inizi del secolo il nome di Alois Alzheimer assume notorietà per le sue pubblicazioni sull’arterosclerosi cerebrale.

linea

14 giugno 1925 – nasce Serge Moscovici

serge-moscoviciA Brăila, il 14 giugno 1925 nasce Serge Moscovici: Psicologo e Sociologo rumeno naturalizzato francese.

Fu una delle figure più rilevanti nel campo della psicologia sociale europea.
Negli anni cinquanta presenta per la prima volta la “Teoria delle Rappresentazioni sociali” (RS), secondo la quale la rappresentazione della realtà è costruita semanticamente e condivisa socialmente.

Moscovici sostiene che le rappresentazioni sociali sono la sintesi di valori condivisi che si basano su caratteristiche comuni. Egli ritiene che la psicologia sociale abbia sempre a che fare con fenomeni simultaneamente psicologici e sociali. I processi mentali condizionano le dinamiche sociali.

Moscovici collabora inoltre allo sviluppo di due importanti mesoteorie della psicologia sociale ad orientamento cognitivo: la teoria dell'”influenza sociale delle minoranze” e la teoria del “consenso sociale e delle decisioni collettive“.


E tu... cosa ne pensi?