16 Agosto

0
226
Formazione in Marketing per Psicologi

16 agosto 1832 – nasce Wilhelm Wundt

wilhelm-maximiliam-wundtA Mannheim, il 16 agosto 1832 nasce Wilhelm Wundt: Psicologo, Fisiologo e Filosofo tedesco.

È divenuto per la storia della psicologia “il padre fondatore” della disciplina, grazie al suo contributo teorico e sperimentale.

Wundt fu uno dei primi scienziati a tentare di stabilire dei criteri oggettivi riguardo al comportamento umano.
Nel 1879 fondò un Laboratorio di Psicologia a Lipsia per raccogliere i dati empirici delle sue ricerche ed analizzarne i risultati secondo i criteri delle scienze naturali.

Il “Laboratorio di Wundt“, composto da tre stanze e dotato di un’attrezzatura all’inizio piuttosto “povera”, divenne in breve tempo il luogo dove si formò la prima generazione di psicologi sperimentalisti europei, alla fine dell’Ottocento.

L’anno 1879 è tradizionalmente considerata la “data di nascita” della psicologia, intesa nella sua accezione moderna e sperimentale.

Noi stessi, in realtà, possiamo sperimentare nei sogni quasi tutti quei fenomeni che si verificano nei manicomi
Wilhelm Wundt

linea

16 agosto 1934 – nasce Daniel Norman Stern

daniel-norman-sternA New York, il 16 agosto 1934 nasce Daniel Norman Stern: Psichiatra e Psicoanalista statunitense.

Stern era specializzato nell’infant research, il filone di ricerche sullo sviluppo psichico infantile che ha trovato, in origine, una delle sue spinte propulsive e di guida proprio nella psicoanalisi, cioè nel suo interesse e nelle sue scoperte sull’infanzia e sulla attività mentale precoce, per poi distaccarsene fino a contrapporvisi.

Il pressante invito che l’infant research rivolge alla psicoanalisi è quello di utilizzare modelli concettuali coerenti con l'”evidenza empirica” da loro prodotta.

Sull’onda di questi risultati, alcuni ricercatori da un lato, alcuni psicoanalisti dall’altro, hanno iniziato a criticare e a tentare di sostituire quelle teorie e quei concetti psicoanalitici che non si “armonizzano” con le scoperte dell’infant research: tra gli altri, il narcisismo e l’onnipotenza infantile, l’autismo e la simbiosi normali, l’organizzazione dell’esperienza secondo le categorie “buono-cattivo“, la presenza della scissione.

linea

16 agosto 2007 – muore Luigi Aurigemma

A Parigi, il 16 agosto 2007 muore Luigi Aurigemma: Psicanalista e scrittore italiano naturalizzato francese.

Dopo la laurea in Filosofia presso l’Università di Roma La Sapienza, nel 1947 si trasferì a Parigi per motivi di studio e lì cominciò il suo percorso analitico.

Per approfondire la sua analisi, si trasferì a Zurigo nel 1961 per lavorare prima con Lilian Frey e poi con Marie-Louise von Franz, dove si laureò al C. G. Jung Institute nel 1966.

Ritornato quindi a Parigi, venne nominato professore alla École des Haute Études, per introdurre gli studi junghiani nel contesto delle idee e del movimento psicoanalitico.

I suoi scritti vanno visti sia come una vera ricerca della morte e della vita dopo la morte, sia come la sua personale indagine sul significato della sofferenza che contraddistingue un’individuazione in senso junghiano.


E tu... cosa ne pensi?