17 Aprile

0
292
Formazione in Marketing per Psicologi

17 aprile 1857 – nasce Gerardus Heymans

gerard-heymansA Ferwerderadeel, il 17 aprile 1857 nasce Gerardus Heymans: Filosofo e Psicologo olandese.

È stato un seguace dell’idea del monismo psichico elaborata da Gustav Fechner e dal 1890 1927 è stato insegnante presso l’università di Groningen.

Nel settore della psicologia è stato un seguace di Wilhelm Wundt ideando varie metodologie di psicologia sperimentale.

Ispirato da Ernst Kretschmer e da Jung, creò una classificazione della personalità basata su tre perni quali: attività intesa come energia e quantità di azione in risposta allo stimolo, emotività ovvero ampiezza e frequenza dell’emozioni in risposta ad un evento o ad uno stimolo ed elementi secondari cioè in grado di influenzare immagini, ricordi, stimoli, eventi.

linea

17 aprile 1885 – nasce Eugéne Minkowski

eugène-minkowskiA San Pietroburgo, il 17 aprile 1885 nasce Eugéne Minkowski: Psichiatra francese.

Minkowski è considerato uno dei più importanti esponenti francesi della psichiatria fenomenologica del Novecento.
Egli ha introdotto i concetti di contatto vitale con la realtà e di tempo vissuto.
Ha sostenuto che la psicopatologia può essere sempre spiegata se viene tenuto conto della personale esperienza del tempo.

Fu uno dei fondatori del gruppo L’Évolution psychiatrique. Influenzato dal pensiero filosofico di Edmund Husserl, di Henri Bergson e dall’analisi fenomenologica di Ludwig Binswanger, riuscì a fare una sintesi originale per il pensiero psicologico, che fortemente ha influenzato il pensiero della generazione successiva, tra cui Jacques Lacan e Henri Ey.

Vi dono un lavoro soggettivo, ma che nosostante tutto è un lavoro che tende con tutte le forze verso l’oggettivitá
Eugéne Minkowski

linea

17 aprile 1951 – muore Robert Ritter

robert-ritterA Oberursel, il 17 aprile 1951 muore Robert Ritter: Medico e Psicologo tedesco.

Fu uno dei più importanti ed attivi teorici della razza e sotto il nazismo guidò il Centro di ricerca Igiene Razziale, distinguendosi per le sue teorie discriminatorie sugli zingari.

I suoi studi contribuirono significativamente alla persecuzione, al genocidio e alla devastazione degli zingari nella Germania nazista.

Le ricerche del Dr. Robert Ritter e dei suoi assistenti volevano dimostrare un legame fra criminalità ed ereditarietà.
Si voleva dimostrare che chiunque avesse avuto sangue zingaro, era un asociale (asozialen), un potenziale criminale e quindi un pericolo reale per la società tedesca.

Nel 1940 dopo alcuni anni di ricerca Ritter scrisse soluzione e sentenza sull’oggetto del suo studio: “la questione zingara potrà considerarsi risolta solo quando il grosso di questi ibridi zigani, asociali e fannulloni […] sarà radunato in campi di concentramento e costretto al lavoro, e quando l’ulteriore aumento di queste popolazioni sarà definitivamente impedito“.

Per risolvere la “questione zingara” Ritter teorizzava e proponeva inoltre: la reclusione, il lavoro forzato e la sterilizzazione preventiva da praticare anche sui bambini appena avessero raggiunto l’età di dodici anni.

Gli Zingari risultano come un miscuglio pericoloso di razze deteriorate
Robert Ritter


E tu... cosa ne pensi?