2 Febbraio

0
426
Formazione in Marketing per Psicologi

2 febbraio 1859 – nasce Havelock Ellis

havelock-ellisA Croydon, il 2 febbraio 1859 nasce Havelock Ellis: Medico e Psicologo britannico.

Insieme ad Albert Moll e Richard von Krafft-Ebing fu uno dei fondatori della sessuologia.

Intrattenne una corrispondenza amichevole con Sigmund Freud, da cui prese in prestito il termine autoerotismo.

L’intero carattere religioso del mondo moderno è dovuto alla mancanza di un manicomio a Gerusalemme
Havelock Ellis

linea

2 febbraio 1960 – nasce Maurizio Palomba

maurizio-palombaA Caracas, il 2 febbraio 1960 nasce Maurizio Palomba: Psicologo e Docente.

Palomba è un esperto di psicologia e di tematiche inerenti l’omosessualità.

Come attivista per i diritti LGBT si è impegnato in Arcigay, l’associazione italiana dedita alla tutela dei diritti delle persone omosessuali.

In seguito, nel 1989/90, sul modello dei Gaycounseling di stampo anglosassone, ha fondato il Gaycounseling, un approccio psicologico integrato che si rivolge alla comunità gay e lesbica per favorire lo sviluppo armonico dell’individuo e migliorarne le relazioni interpersonali ed intime, ed è divenuto egli stesso gaycounselor a Roma.

In carriera è stato autore di diversi libri con tematiche legate all’omosessualità e alla psicologia.

linea

2 febbraio 1998 – muore Raymond Cattell

raymond-bernard-cattelAd Honolulu, il 2 febbraio 1998 muore Raymond Bernard Cattell: Psicologo inglese naturalizzato statunitense.

Cattell si è distinto per i suoi numerosi apporti in molte aree della psicologia sociale e sperimentale.

Le sue principali realizzazioni si sono concentrate sullo studio della personalità, dell’intelligenza e delle scienze statistiche applicate alla psicologia.

Nella ricerca sulla personalità, è ricordato per il suo modello di analisi a 16 fattori (questionario 16PF), sostenendo che il precedente modello di Hans Eysenck, a 3 elementi (estroversione-introversione, neuroticismo e psicoticismo), era eccessivamente semplificato per poter misurare i fattori primari della personalità.

Cattell fu il primo a proporre un modello multi-livello di personalità a struttura gerarchica, con fattori primari di base (i cui tratti di personalità si esplicano a livello planetario) e un livello più ampio di “secondo ordine”, identificato da tratti di livello superiore di organizzazione della personalità.

I cinque tratti globali di base sono, a tutt’oggi, identificati con il modello di personalità diffuso dal Big Five.

Gli studi hanno mostrato talmente tanti significati diversi e metodi di misura diversi per l’ansia, che questi lavori non potrebbero in alcun modo essere integrati ed interpretati
Raymond Cattell

linea

2 febbraio 2004 – muore Gianfranco Cecchin

gianfranco-cecchinA Brescia, il 2 febbraio 2004 muore Gianfranco Cecchin: Psichiatra e Psicoterapeuta italiano.

Fu fondatore – insieme a Mara Selvini Palazzoli, Luigi Boscolo e Giuliana Prata – del movimento di terapia familiare sistemica oggi noto in gran parte del mondo come “Milan Approach“.

Scrisse libri e articoli soprattutto con collaboratori italiani e anglosassoni.

Le idee che maggiormente caratterizzarono la sua opera furono quella di curiosità, che preferì alla più fredda neutralità di origine psicoanalitica, e quella di irriverenza.

Approfondì e nobilitò il concetto di pregiudizio: qualunque conoscenza a priori attraverso la quale il terapeuta osserva la realtà – compreso dunque il bagaglio di conoscenze teoriche appreso nella formazione – costituisce il suo set di pregiudizi.
E dal momento che non è possibile non avere un pregiudizio, questo diventa, anziché ostacolo ad una comprensione “pura” ed “oggettiva”, potente strumento di conoscenza.

Il suo pensiero mostra una stretta parentela col decostruzionismo e il postmodernismo.
Come terapeuta, lo si colloca generalmente nella cornice del conversazionalismo e dell’approccio narrativo, sebbene non abbia mai perso occasione di dichiarare la sua irriducibile fiducia nel “pregiudizio” sistemico (anzi, scherzando, usava rivendicare il suo “integralismo sistemico”).


E tu... cosa ne pensi?