20 Giugno

0
230
Formazione in Marketing per Psicologi

20 giugno 1884 – nasce Johannes Schultz

johannes-schultzA Gottinga, il 20 giugno 1884 nasce Johannes Heinrich Schultz: Psichiatra e Psicoterapeuta tedesco.

La sua realizzazione più famosa fu lo sviluppo del training autogeno, che fu il prodotto di ricerche sull’ipnosi e di auto-sperimentazione.

Fu prima pubblicamente anticipato nel 1926 come “esercizi organo autogeno,” e ricevette nel 1928 il suo nome corrente. Il programma utilizza lezioni pratiche di visualizzazione giornaliere che sono progettate con lo scopo di aiutare il praticante a raggiungere un profondo stato di rilassamento.

linea

20 giugno 1920 – nasce Adriano Ossicini

adriano-ossiciniA Roma, il 20 giugno 1920 nasce Adriano Ossicini: Psichiatra e Politico italiano, ex-partigiano e Docente universitario fuori ruolo.

Laureato in medicina alla fine del 1944, Ossicini si iscrive al corso di specializzazione in psichiatria e a quello in malattie nervose e mentali.

Nel 1947 diviene docente di psicologia presso l’Università La Sapienza di Roma. Nello stesso anno, insieme a Giovanni Bollea, apre a Roma il primo Centro medico psicopedagogico d’Italia.

Tra il 1970 e il 1989 è promotore della legge per l’istituzione dell’Ordine degli psicologi.

linea

20 giugno 1940 – nasce Eugen Drewermann

eugen-drewermannA Bergkamen, il 20 giugno 1940 nasce Eugen Drewermann: Teologo, Psicoanalista e Psicoterapeuta tedesco.

Ex sacerdote, Drewermann è molto noto in Germania per il suo lavoro di studioso, il quale si basa sull’applicazione della psicologia del profondo all’esegesi ed alla teologia.

Influenzato da Freud e Jung, oltre che dalla recente evoluzione del pensiero analitico, Drewermann reinterpreta radicalmente i testi biblici, servendosi come criteri ermeneutici della psicologia del profondo, della poesia e dei grandi archetipi che si ritrovano in tutte le culture e le religioni.

Il suo metodo interpretativo viene esposto con due volumi pubblicati tra il 1985-86 (“Psicologia del profondo ed esegesi“), il primo dedicato all’Antico Testamento, il secondo al Nuovo Testamento.


E tu... cosa ne pensi?