Storia della Psicologia
Storia, eventi e protagonisti della Psicologia
Formazione in Marketing per Psicologi

21 dicembre 1854 – nasce Morton Prince

morton-princeA Boston, il 21 dicembre 1854 nasce Morton Henry Prince: Psicologo statunitense.

Docente alla Harvard Medical School, nel 1926 divenne docente di psicologia dinamica all’università di Harvard.

È noto per ricerche come La dissociazione delle personalità e L’inconscio.

linea

21 dicembre 1956 – muore Lewis Madison Terman

lewis-madison-termanA Palo Alto, il 21 dicembre 1956 muore Lewis Madison Terman: Psicologo statunitense.

A lui si deve la realizzazione di uno dei più importanti e diffusi test di efficienza mentale: la scala metrica Stanford, costituita da un’accurata revisione dell’originale Scala Binet-Simon proposta dallo psicologo Alfred Binet.

Tale scala è stata descritta in uno dei suoi primi lavori, The Measurement of Intelligence (“La misurazione dell’intelligenza”, del 1916), e ulteriormente perfezionata nel 1937.

Terman si occupò anche di test collettivi, e riconobbe la grande importanza di una individuazione precoce dei bambini superdotati ai fini di un insegnamento a loro adatto.

linea

21 dicembre 1956 – nasce Paolo Amaldi

A Firenze, il 21 dicembre 1956 nasce Paolo Amaldi: Psichiatra italiano.

Dopo aver esercitato la professione presso alcuni ospedali psichiatrici e scritto alcuni saggi di psicologia, svolse l’attività di perito dei tribunali.

Divenne nota la sua perizia del 24 maggio del 1914 sull’imbianchino Vincenzo Peruggia, imputato del furto della Gioconda dal Museo del Louvre di Parigi avvenuto il 21 agosto 1911.
Grazie alla perizia Peruggia fu riconosciuto «parzialmente minorato» e condannato alla mite sentenza di 1 anno e 15 giorni di carcere.

linea

21 dicembre 1989 – muore Elvio Fachinelli

elvio-fachinelliA Milano, il 21 dicembre 1989 muore Elvio Fachinelli: Psicoanalista italiano.

Laureatosi in medicina, si specializzò in neuropsichiatria a Milano con una tesi sul test di Rorschach nei pazienti fobici e ossessivi.

Entrato a far parte della Società Psicoanalitica Italiana nel 1966, dopo un training analitico con Cesare Musatti, collaborò per oltre vent’anni con importanti riviste del settore come Il corpo, Quaderni Piacentini, Quindici.

Forse il suo più importante contributo alla psicologia, in particolare infantile, è stata la promozione della cosiddetta pedagogia non autoritaria, estrinsecatasi anche con la creazione di progetti pratici, come un asilo autogestito nella zona di Porta Ticinese a Milano.


E tu... cosa ne pensi?