22 Settembre

0
495
Formazione in Marketing per Psicologi

22 settembre 1919 – nasce Silvio Fanti

silvio-fantiA Neuchâtel, il 22 settembre 1919 nasce Silvio Fanti: Psichiatra e Psicoanalista svizzero, fondatore della micropsicoanalisi.

Una serie di coincidenze portarono Fanti a modificare alcuni aspetti della metodologia psicoanalitica tradizionale. In primo luogo egli aumentò la durata e la frequenza delle sedute. Più tardi, e gradualmente, introdusse quelle che egli chiamò, assieme alla seduta lunga, le “innovazioni tecniche” (“appoints tecniques”), sviluppando così una pratica ed una teoria specificatamente micropsicoanalitiche.

La micropsicoanalisi si colloca in continuità con la psicoanalisi freudiana. Fanti scrisse: La micropsicoanalisi deriva dalla psicoanalisi freudiana di cui costituisce un approfondimento e un ampliamento, sia tecnico sia teorico.

linea

22 settembre 1951 – nasce Rainer Matthias Holm-Hadulla

rainer-matthias-holm-hadullaA Peine, il 22 settembre 1951 nasce Rainer Matthias Holm-Hadulla: Psichiatra e Psicoterapeuta tedesco.

Dal 1986, in qualità di medico responsabile dirige il centro di consulenza psicosociale per studenti dell’Università di Heidelberg.

Nel 2002 viene nominato professore straordinario in psicoterapia medica presso l’Università di Heidelberg.

Dal 2015 è membro della sezione filosofia, psicoanalisi e psichiatria dell’Accademia argentina delle scienze.

Conduce uno studio privato per consulenza, coaching e psicoterapia ed è analista didatta presso l’Associazione Psicoanalitica Internazionale (IPA). Nelle sue pubblicazioni e ricerche ha approfondito soprattutto temi legati alla consulenza, alla psicoterapia e alla creatività.

linea

22 settembre 1960 – muore Melanie Klein

melanie-kleinA Londra, il 22 settembre 1960 muore Melanie Klein: Psicoanalista austriaca-britannica, nota per i suoi lavori pioneristici nel campo della psicoanalisi infantile e per i contributi allo sviluppo della teoria delle relazioni oggettuali; è ritenuta tra le personalità più decisive e influenti del movimento psicoanalitico.

Il nucleo centrale della teoria kleiniana è la relazione: i contenuti sui quali viene investita la pulsione (oggetti parziali e totali), il conflitto energetico che ne regola il dinamismo (pulsioni di vita e di morte, invidia e gratitudine), le tappe evolutive lungo le quali si forma (la posizione schizoparanoide e la posizione depressiva) e le sue patologie (le psicosi e le nevrosi).

Il seno è all’origine della prima angoscia del neonato che crede, quando la madre scompare, di averla mangiata o distrutta che sia, per odio o per amore
Melanie Klein