24 Aprile

0
339
Formazione in Marketing per Psicologi

24 aprile 1903 – nasce Hubert Rohracher

hubert-rohracherA Lienz, il 24 aprile 1903 nasce Hubert Rohracher: Psicologo austriaco.

Hubert Rohracher è stato uno studioso che ideò la scienza che oggi prende il nome di caratterologia.
Egli intendeva capire la natura di un individuo osservando i movimenti del corpo.
Infatti, secondo Rohracher, un individuo per ogni accezione umorale ha una corrispondenza gestuale.

La caratterologia è parallela alla psicologia, solo che, mentre questa studia gli aspetti interiori, la prima si occupa di quelli esteriori.

Hubert Rohracher suddivide tutti gli uomini in due grandi categorie: i cosiddetti primari (artisti, intuitivi, emotivi, poeti, estroversi, fantasiosi, portati per il sentimento) ed i secondari (matematici, scientifici, deduttivi, ordinati, logici, precisi, portati per le materie scientifiche).

A loro volta, i primari e i secondari si dividono in attivo e passivo.
In genere, i difetti maggiori stanno nella passività. Ma, secondo Hubert Rohracher, nessuno è migliore dell’altro, dato che i primari hanno alcune caratteristiche che non possiedono i secondari e viceversa, ed è per questo che non possono essere messi a confronto e dunque sono da considerarsi alla pari.

linea

24 aprile 1924 – muore Stanley Hall

granville-stanley-hallA Worcester, il 24 aprile 1924 muore Granville Stanley Hall: Psicologo e Pedagogista statunitense.

Si occupò in particolare di ricerca sulla psicologia dello sviluppo.

Fortemente influenzato dal pensiero di Charles Darwin e Ernst Haeckel, si occupò di ereditarietà del comportamento, di psicologia dell’educazione e di psicologia dell’adolescenza.

Espresse tesi fortemente autoritarie e conservatrici, anche in ambito educativo.

Hall vede nel comportamento ludico dei bambini il riapparire di comportamenti che hanno caratterizzato l’umanità nelle fasi iniziali della storia evolutiva.

Il bambino ripercorre nel suo sviluppo il cammino dell’uomo, rivivendo l’atmosfera che fu propria dei primi abitanti della terra, con le tendenze alla lotta, alla caccia, all’esplorazione.

L’uomo del futuro può, e anzi deve, fare cose impossibili in passato e acquisire nuove varianti del motore non fornite dal ereditarietà
Granville Stanley Hall


E tu... cosa ne pensi?