24 Gennaio

0
561
Formazione in Marketing per Psicologi

24 gennaio 1850 – nasce Hermann Ebbinghaus

hermann-ebbinghausA Barmen, il 24 gennaio 1850 nasce Hermann Ebbinghaus: Psicologo e Filosofo tedesco.

Nel 1885, pubblicò l’importante trattato Über das Gedächtnis (“Sulla memoria”) testo che rappresenta una pietra miliare della psicologia, in cui descrisse gli esperimenti condotti su se stesso riguardanti la memoria ed il dimenticare.

Ebbinghaus non disponeva di un laboratorio, e svolse le sue ricerche in relativa solitudine, senza alcun collegamento con le università del tempo. Nonostante questo, il suo lavoro è estremamente rigoroso.

Con il suo lavoro sulla memoria, Hermann Ebbinghaus fu un precursore della psicologia sperimentale, della quale contribuì a fondare l’orientamento associazionista.

Nella sua ricerca sull’apprendimento usò varie tecniche poi affermatesi in quel campo.

Nel 1885, grazie alle numerose ricerche sperimentali, lo scienziato tedesco formulò quella che successivamente passò alla storia come “Legge di Ebbinghaus“: “tra l’ampiezza del materiale da memorizzare e il tempo di apprendimento vi è un rapporto costante”.

Oltre all’insegnamento ed alla ricerca, fondò due laboratori di psicologia in Germania ed il Zeitschrift für Physiologie und Psychologie der Sinnesorgane (Giornale di fisiologia e psicologia degli organi di senso), una delle prime e più importanti riviste scientifiche di psicologia.

L’approccio di Ebbinghaus alla memoria viene definito associazionismo.

I contributi di Ebbinghaus sono tutt’oggi utilizzati nello studio mediante ripetizione spaziata e flashcard. I medesimi principi sono presenti in software di apprendimento come SuperMemo e Anki.

Ciò che è vero (in psicologia) purtroppo non è nuovo e ciò che è nuovo non è vero
Hermann Ebbinghaus

linea

24 gennaio 1897:

sogni-nel-folkloreFreud inizia a lavorare all’opera “Sogni nel folklore“.

linea

24 gennaio 1922 – nasce Charles M. Socarides

A Brockton, il 24 gennaio 1922 nasce Charles M. Socarides: Psichiatra e Psicologo statunitense.

Charles Socarides fu molto attivo nello studio dell’omosessualità.
Egli proponeva una concettualizzazione dell’omosessualità come adattamento neurotico, che ipotizzava potesse essere completamente “superato“.

Secondo Socarides l’omosessualità sarebbe il frutto di un mancato sviluppo psichico del bambino generato da un particolare tipo di ambiente familiare definito “omosessogenica“, caratterizzato dallo stereotipo di “madre castrante e padre assente”.
La definizione di Socarides dell’omosessualità è quindi quella di una psicopatologia.

Charles Socarides affermò anche di aver creato una terapia in grado di “curare gli omosessuali“, che avrebbe efficacia in circa “un terzo” dei casi.
I risultati sono però spesso stati contestati dalle organizzazioni di categoria.

Socarides non cambiò le sue posizioni neppure quando, nel 1973, la American Psychiatric Association votò per cancellare l’omosessualità dalla lista delle malattie mentali.

linea

24 gennaio 1950 – nasce Ferdinando Brancaleone

ferdinando-brancaleoneA Pomigliano, il 24 gennaio 1950 nasce Ferdinando Brancaleone: Psicoterapeuta e Docente italiano.

Esperto di Psicolinguistica, ha contribuito, nell’ambito della Antropologia neo-esistenziale, alla evoluzione della Logoanalisi, elaborando le metodiche comunicative che vanno sotto il nome di Logoanalisi Coscienziale, Logodinamica Subliminale e Logodinamica Analitico-Esistenziale.

Fin dagli anni ottanta del Novecento ha contribuito attivamente allo sviluppo ed alla diffusione della Psicologia e Psicoterapia ad orientamento esistenziale (Logoterapia ed Analisi esistenziale), nonché dell’approccio terapeutico bionomico-autogeno, riprendendo ed integrando le proposte cliniche di Viktor Frankl, Johannes Heinrich Schultz, Ernst Kretschmer e Luigi Peresson.

A partire dagli studi di Charles Tart, ha condotto approfondite ricerche sugli stati di coscienza, elaborando e proponendone una teoria esplicativa, che va sotto il nome di Teoria dell’Alternanza Mentale (T.A.M.), specialmente al fine di un opportuno uso dei diversi stati di coscienza nell’ambito della Psicoterapia e dell’Antropologia Clinica”.

La stimolazione delle profonde (e sovente inespresse) risorse insite nell’essere umano, attraverso l’ausilio di una dinamica comunicativa, che faccia perno su potenziali generativo-trasformazionali, utilizzati per scopi eminentemente evolutivi ed auto-terapeutici, costituisce il fulcro di quell’approccio che va sotto il nome di “Psicolinguistica Generativa”
Ferdinando Brancaleone

linea

24 gennaio 1986 – muore Leopold Szondi

leopold-szondiA Küsnacht, il 24 gennaio 1986 muore Leopold Szondi: Psichiatra ungherese.

Szondi è famoso per l’invenzione dell’analisi del destino e del Test di Szondi di cui è espressione.
Il Test di Szondi è un test proiettivo di personalità.

In Italiano sono stati tradotti il Diagnostica sperimentale degli istinti (il secondo dei suoi cinque volumi sulla analisi del destino) e la Introduzione all’analisi del destino, una raccolta di conferenze che tenne all’Università di Zurigo con lo scopo di introdurre presso il grande pubblico i risultati principali delle sue ricerche.


E tu... cosa ne pensi?