Storia della Psicologia
Storia, eventi e protagonisti della Psicologia
Formazione in Marketing per Psicologi

25 novembre 1876 – nasce Hermann Paul Nitsche

hermann-paul-nitscheA Colditz, il 25 novembre 1876 nasce Hermann Paul Nitsche: Psichiatra tedesco.

Nel 1933 aderì al Partito Nazionalsocialista Tedesco dei Lavoratori (NSDAP), e pur se d’accordo con la visione della “razza superiore tedesca” non si rivelò comunque un accesso sostenitore del partito.

La situazione cambiò nel 1940 quando fu inserito come psichiatra nel progetto Aktion T4 e l’anno dopo ne venne posto al comando sino alla fine della Seconda guerra mondiale.

Si stima che in quel periodo abbia autorizzato la morte di 70 000 disabili di tutte le età.

La sua posizione è da tempo discussa, secondo alcuni è un criminale nazista accusato di aver partecipato attivamente ad uno sterminio, per altri fu un moderatore che tentò di far naufragare l’intero progetto riuscendo a minimizzare il numero delle vittime.

linea

25 novembre 1999 – muore Didier Anzieu

didier-anzieuA Parigi, il 25 novembre 1999 muore Didier Anzieu: Psicoanalista francese.

Dal 1943 al 1953 collabora con Jacques Lacan, ma il rapporto con questi è quantomai burrascoso sia a livello professionale che personale.
Fa parte del gruppo dei cosiddetti neofreudiani e all’epoca della scissione interna alla Societè psychoanalytique de France si schiera tra le file degli “ortodossi“, ovvero coloro che si ispirano alla dottrina pura di Freud criticando le rielaborazioni di alcuni studiosi quali proprio Lacan.

L’opera di Anzieu si sviluppa a partire dal 1968 con un’attenta ricerca sulle tecniche psicoterapeutiche di gruppo, proprio nel campo della psicoanalisi di gruppo diviene una delle voce più autorevoli con l’ipotesi, avanzata nei suoi studi, dell’esistenza di immagini psicodinamiche (gruppo-seno, gruppo-bocca, gruppo persecutore-seduttore) che vengono elaborate ed agiscono nella psiche del paziente proprio durante le relazioni di gruppo.

Nel 1985 con l’opera Moi-peau elabora la teoria di un legame inconscio tra le funzioni protettive tipiche della struttura biologica della pelle umana e le funzioni coordinative dell’Io.

La pelle con le sue caratteristiche di colore, odore, rugosità, con gli elementi suoi propri, basti pensare alle impronte digitali, permette di evidenziare una “individualità” unica ed irripetibile (ogni individuo possiede la sua “pelle personale”)
Didier Anzieu


E tu... cosa ne pensi?