26 Febbraio

0
464
Formazione in Marketing per Psicologi

26 febbraio 1907 – nasce John Bowlby

john-bowlbyA Londra, il 27 febbraio 1907 nasce John Bowlby: Psicologo e Psicoanalista britannico.

Bowlby ha elaborato la teoria dell’attaccamento, interessandosi particolarmente agli aspetti che caratterizzano il legame madre-bambino e quelli legati alla realizzazione dei legami affettivi all’interno della famiglia.

Gli studi e le teorie di Bowlby sono stati, ampiamente studiati, confermati sperimentalmente ed hanno portato anche a notevoli cambiamenti culturali nel pensare il rapporto adulto-bambino.

Oltre a molte ricerche indipendenti, le applicazioni più importanti per la teoria dell’attaccamento sono risultate essere la cosiddetta strange situation, ideata da Mary Ainsworth negli anni Sessanta, e la adult attachment interview, concepita da Mary Main nel 1985.

Anche se particolarmente evidente nella prima infanzia, il comportamento di attaccamento caratterizza l’essere umano dalla culla alla tomba
John Bowlby

linea

26 febbraio 1909 – muore Hermann Ebbinghaus

hermann-ebbinghausA Breslavia, il 26 febbraio 1909 muore Hermann Ebbinghaus: Psicologo e Filosofo tedesco.

Nel 1885, pubblicò l’importante trattato Über das Gedächtnis (“Sulla memoria”) testo che rappresenta una pietra miliare della psicologia, in cui descrisse gli esperimenti condotti su se stesso riguardanti la memoria ed il dimenticare.

Ebbinghaus non disponeva di un laboratorio, e svolse le sue ricerche in relativa solitudine, senza alcun collegamento con le università del tempo. Nonostante questo, il suo lavoro è estremamente rigoroso.

Con il suo lavoro sulla memoria, Hermann Ebbinghaus fu un precursore della psicologia sperimentale, della quale contribuì a fondare l’orientamento associazionista.

Nella sua ricerca sull’apprendimento usò varie tecniche poi affermatesi in quel campo.

Nel 1885, grazie alle numerose ricerche sperimentali, lo scienziato tedesco formulò quella che successivamente passò alla storia come “Legge di Ebbinghaus“: “tra l’ampiezza del materiale da memorizzare e il tempo di apprendimento vi è un rapporto costante”.

Oltre all’insegnamento ed alla ricerca, fondò due laboratori di psicologia in Germania ed il Zeitschrift für Physiologie und Psychologie der Sinnesorgane (Giornale di fisiologia e psicologia degli organi di senso), una delle prime e più importanti riviste scientifiche di psicologia.

L’approccio di Ebbinghaus alla memoria viene definito associazionismo.

I contributi di Ebbinghaus sono tutt’oggi utilizzati nello studio mediante ripetizione spaziata e flashcard. I medesimi principi sono presenti in software di apprendimento come SuperMemo e Anki.

Ciò che è vero (in psicologia) purtroppo non è nuovo e ciò che è nuovo non è vero
Hermann Ebbinghaus

linea

26 febbraio 1922 – muore Alois Höfler

alois-hoeflerA Vienna, il 26 febbraio 1922 muore Alois Höfler: Filosofo e Psicologo austriaco.

Höfler fu studente di Ludwig Boltzmann e Franz Brentano a Vienna e di Alexius Meinong a Graz e ottenne il dottorato con uno scritto su Einige Gesetze der Unverträglichkeit zwischen Urteilen (Alcune leggi sull’incompatibilità tra giudizi).
Insegnò dapprima al ginnasio Theresianum e dal 1894 all’università di Vienna dopo aver conseguito l’abilitazione con lo scritto Psychische Arbeit (Lavoro psichico).

Il suo concetto di “lavoro psichico” fu fondamentale per la serie di articoli di Benno Kerry Über Anschauung und ihre psychische Verarbeitung.

linea

26 febbraio 1931 – nasce Claude Piron

claude-pironA Namur, il 26 febbraio 1931 nasce Claude Piron: Esperantista, Linguista e Psicologo svizzero.

Claude Piron, anche conosciuto come Johan Valano e Johan Balano, fu psicoterapeuta e insegnò nella facoltà di psicologia dell’Università di Ginevra, in Svizzera, dal 1973 al 1994.

Il suo libro in francese Le Défi des langues – Du Gâchis au bon sens (La Sfida delle lingue – Dal caos al buon senso) è una specie di psicoanalisi della comunicazione internazionale.

In La Buona Lingua, Piron tratta i principali aspetti sociali e linguistici dell’Esperanto.

La sua tesi è che l’Esperanto è più facile perché rispecchia i meccanismi base della mente nell’apprendimento delle lingue, e fra questi, estremamente importante, la generalizzazione delle forme e delle regole grammaticali: l’esperanto, contrariamente a tutte le lingue naturali, permette, tanto nella grammatica quanto nella formazione delle parole, di affidarsi al proprio istinto di assimilazione generalizzante, una legge psicolinguistica descritta da Jean Piaget.

L’esperanto è una lingua giovane, nata dall’incontro fra un intenso desiderio di comunicazione interculturale di una parte della popolazione mondiale, e una proposta linguistica elaborata da un giovane poliglotta che aveva messo a punto il suo progetto componendo dei poemi e traducendo testi di differenti letterature
Claude Piron

linea

26 febbraio 1934 – nasce Eugenio Gaburri

eugenio-gaburriA Soresina, il 26 febbraio 1934 nasce Eugenio Gaburri: Psicoanalista italiano.

Formatosi tra Milano e Ginevra, fu tra gli studiosi che maggiormente si entusiasmarono per il lavoro clinico coi gruppi.

Insofferente alle teorizzazioni scolastiche della dottrina colpevoli di irrigidire i concetti separandoli dall’esperienza viva dell’analisi, fu uno dei più sensibili lettori di Wilfred Bion che contribuì, insieme a Francesco Corrao, Claudio Neri e Antonino Ferro, a far penetrare nella cultura psicoanalitica del nostro paese.

La morte non è una malattia, non prevede una cura, eppure durante la nostra esistenza ne siamo angosciati
Eugenio gaburri

linea

26 febbraio 1944 – nasce Dossie Easton

dossie-eastonAd Andover, il 26 febbraio 1944 nasce Dossie “Dorothy” Easton: Scrittrice e Psicoterapeuta statunitense.

Nota soprattutto per aver scritto con Janet Hardy la guida al poliamore The Ethical Slut (tradotto in italiano nel 2014 come La zoccola etica).

Vive attualmente in California dove conduce uno stile di vita poliamoroso insieme alla sua partner.

La vera prova d’amore è quando una persona, inclusa te, può conoscere i tuoi punti deboli, le tue stupidaggini, le tue piccolezze, e ti ama ancora
Dossie Easton

linea

26 febbraio 1969 – muore Karl Jaspers

karl-jaspersA Basilea, il 26 febbraio 1969 muore Karl Theodor Jaspers: Filosofo e Psichiatra tedesco.

Nel 1910 pubblicò un testo rivoluzionario sulla paranoia in cui venivano esposti i casi di alcuni pazienti, fornendo informazioni biografiche relative ai soggetti in cura e dando un resoconto del modo in cui gli stessi pazienti interpretavano i loro sintomi.

Il metodo biografico si è affermato come una delle principali pratiche terapiche della moderna psichiatria.

Jaspers condensò le sue convinzioni sulla malattia mentale nei due volumi di cui si compone la sua Psicopatologia generale, un classico della letteratura psichiatrica, da cui sono derivati alcuni criteri diagnostici.

Di particolare importanza è la convinzione che i sintomi debbono essere analizzati e diagnosticati per la loro forma piuttosto che per il loro contenuto.

L’ultima questione è sapere se dal fondo delle tenebre un essere può brillare
Karl Jaspers


E tu... cosa ne pensi?