28 Gennaio

0
396
Formazione in Marketing per Psicologi

28 gennaio 1828 – nasce Roberto Ardigò

Roberto-ArdigoA Casteldidone, il 28 gennaio 1828 nasce Roberto Ardigò: Psicologo, Filosofo e Pedagogista italiano.

Fu il massimo esponente del positivismo italiano. Considerato come il più sistematico dei positivisti italiani, riprese nelle sue opere, almeno in parte, le idee di Auguste Comte e costruì un sistema che corrispondeva alle idee del positivismo europeo, senza però – secondo i critici – suffragarle con autentica cultura scientifica.

Inizialmente sacerdote e teologo cattolico, si allontanò dalla religione e abbandonò l’abito talare, divenendo ateo e positivista, e subendo la scomunica. Insegnante di storia della filosofia per 28 anni all’Università di Padova, contribuì anche alla diffusione dell’evoluzionismo di Darwin nella scuola italiana (nonché quello antropologico), alla nascente psicologia moderna e alla nuova pedagogia. Morì suicida all’età di 92 anni, dopo un lungo periodo di declino fisico.

L’inconoscibile di oggi è il conosciuto di domani
Roberto Ardigò

linea

28 gennaio 1865 – nasce Emma Eckstein

emma-ecksteinA Vienna, il 28 gennaio 1865 nasce Emma Eckstein: Psicoanalista e precoce paziente di Freud.

A 27 anni si recò da Freud in cerca di un trattamento per alcuni sintomi, tra cui disturbi di stomaco e una lieve depressione legati alle mestruazioni.
Freud diagnosticò alla Eckestein un’isteria e credeva che si masturbasse in eccesso, il che era allora considerato pericoloso per la salute mentale.

Freud sospettava, inoltre, una “nevrosi nasale riflessa“, malattia resa popolare dal suo amico e collaboratore Wilhelm Fliess, specialista in otorinolaringoiatria. Fliess aveva trattato la nevrosi nasale riflessa cauterizzando l’interno del naso in anestesia locale utilizzando la cocaina come anestetico e si accorse che il trattamento dava risultati positivi, nel senso che i suoi pazienti diventavano meno depressi, e pensò che se la cauterizzazione era stata temporaneamente utile, con la chirurgia si sarebbero ottenuti risultati più duraturi. Cominciò quindi ad operare i pazienti a cui diagnosticava la malattia, tra cui la Eckstein e lo stesso Freud.

L’intervento chirurgico a cui fu sottoposta la Eckstein fu un disastro e le cavità nasali della Eckstein erano state talmente danneggiate che rimase permanentemente sfigurata. Freud inizialmente attribuì questo danno all’intervento chirurgico ma in seguito, come per tentare di rassicurare Fliess, ribadì la sua convinzione che i sintomi nasali iniziali fossero stati causati dall’isteria.

linea

28 gennaio 1920 – nasce Donald deAvila Jackson

donald-deAvila-jacksonIn California, il 28 gennaio 1920 nasce Donald deAvila Jackson: Psichiatra statunitense, pioniere degli esordi della terapia familiare e della terapia breve.

Dopo essersi formato con Harry Sullivan, ha lavorato nel gruppo di Gregory Bateson contribuendo agli studi sul doppio legame negli anni ’50.

Nel settembre del 1958 ha fondato il Mental Research Institute, in cui si sono formate o hanno dato contributi personalità quali Paul Watzlawick, Jay Haley, John Weakland, Virginia Satir e Milton H. Erickson.

Autore o coautore di più di 130 articoli e sette libri, ha vinto numerosi premi nel campo della psichiatria, tra cui: il premio Frieda Fromm-Reichmann per il contributo alla comprensione della schizofrenia, il primo premio Edward R. Strecker per il contributo al trattamento di pazienti ospedalizzati e nel 1967 è stato insignito del Salmon Lecturer.

Non esistono pazienti impossibili, ma solo terapeuti incapaci
Donald deAvila Jackson

linea

28 gennaio 1971 – nasce Donald Winnicott

donald-woods-winnicottA Londra, il 28 gennaio 1971 nasce Donald Woods Winnicott: Pediatra e Psicoanalista inglese.

Studiò medicina a Cambridge laureandosi nel 1923. Nello stesso anno cominciò un’analisi personale con James Strachey, e successivamente, diventato psicoanalista della Società Psicoanalitica Britannica, continuò ulteriormente la sua analisi con Joan Rivière, quest’ultima di impostazione prettamente kleiniana.

Come pediatra lavorò per circa quarant’anni presso l’ospedale pediatrico di Paddington Green, acquisendo una ricchissima esperienza clinica. Winnicott, che inizialmente abbracciò le concezioni della Klein circa il rapporto madre-bambino, successivamente si discostò dal suo pensiero divenendo meno ortodosso ed entrando nel gruppo degli indipendenti britannici (il cosiddetto middle group, gruppo di mezzo), passando alla storia come uno dei pionieri della scuola delle relazioni oggettuali.

La sua concomitante professione di pediatra lo portò ad osservare a lungo i bambini e la loro interazione con la madre, permettendogli così di elaborare originali teorie sullo sviluppo psicologico ed emotivo del bambino.

Saremo veramente poveri se fossimo solamente sani
Donald Winnicott

linea

28 gennaio 2013 – muore John Karlin

john-elias-karlinNel New Jersey, il 28 gennaio 2013 muore John Elias Karlin: Psicologo sudafricano naturalizzato statunitense.

Dopo la laurea in musica, filosofia e psicologia ed aver acquisito un master universitario in psicologia, si trasferisce negli Stati Uniti per conseguire nel 1942 un PhD in psicologia all’Università di Chicago con una tesi dal titolo “A Factorial Study of the Auditory Function” che successivamente permise di aprire un filone di ricerca presso varie altre università sul ruolo dei diversi sensi nell’uso di apparecchi.

Subito dopo diviene ricercatore all’Università di Harvard e continua i suoi studi in ingegneria elettrica presso il Massachusetts Institute of Technology.

Durante la Seconda guerra mondiale, Karlin porta avanti alcune ricerche per l’esercito nel campo della psicoacustica.
Nel 1945 viene assunto dai Bell labs, l’unità di ricerca della compagnia telefonica AT&T, divenendo il primo psicologo della compagnia.


E tu... cosa ne pensi?