Storia della Psicologia
Storia, eventi e protagonisti della Psicologia
Formazione in Marketing per Psicologi

28 novembre 1871 – nasce William McDougall | 28 novembre 1938 – muore William McDougall

william-mcdougallA Chadderton, il 28 novembre 1871 nasce William McDougall.
A Durham, il 28 novembre 1938 muore William McDougall.

William McDougall, Psicologo inglese, ha trascorso la prima parte della sua carriera nel Regno Unito e l’ultima parte negli Stati Uniti.

Ha scritto una serie di libri di testo altamente influenti, ed è stato particolarmente importante nello sviluppo della teoria dell’istinto e della psicologia sociale.

Era un oppositore della teoria del comportamentismo.

McDougall studiò psicoanalisi con C. G. Jung e fu anche disposto a studiare parapsicologia, nel 1920 divenne presidente della Society for Psychical Research e, l’anno successivo, della sua controparte americana, l’American Society per la Ricerca Psichica.

La volontà è il carattere in azione
William McDougall

linea

28 novembre 1908 – nasce Claude Lévi-Strauss

levi-straussA Bruxelles, il 28 novembre 1908 nasce Claude Lévi-Strauss: Antropologo, Psicologo e Filosofo francese.

Tra i suoi contributi alla psicologia scientifica vi è l’applicazione del metodo di indagine strutturalista agli studi antropologici; fu allievo del filosofo André Cresson.

Più che dare risposte sensate, una mente scientifica formula domande sensate
Claude Lévi-Strauss

linea

28 novembre 1936 – nasce Carol Gilligan

carol-gilliganA New York, il 28 novembre 1936 nasce Carol Gilligan: Psicologa statunitense.

Femminista, studiosa di etica, ha approfondito problemi di etica legati al gender.
È professoressa di Psicologia evoluzionista alla Graduate School of Education dell’Università Harvard.

La sua notorietà è dovuta principalmente al libro In a Different Voice: Psychological Theory and Women’s Development (1982), da più parti riconosciuto come una pietra miliare del pensiero della differenza, in cui critica la ricerca di Lawrence Kohlberg – di cui era stata allieva e collaboratrice – sullo sviluppo morale dei bambini: quello studio concludeva che le femmine raggiungevano un livello di sviluppo morale mediamente più basso dei maschi.

La Gilligan sostenne che i risultati di Kohlberg erano distorti perché i partecipanti alla ricerca erano prevalentemente maschi, e il metodo di valutazione dei punteggi riportati, utilizzato di conseguenza, tendeva a privilegiare un modo di pensare più comune tra i ragazzi, a scapito di un’argomentazione morale concentrata sulla relazione, più riconducibile alla sensibilità delle ragazze.

linea

28 novembre 1959 – nasce Massimo Recalcati

massimo-recalcatiA Milano, il 28 novembre 1959 nasce Massimo Recalcati: Psicoanalista italiano.

Laureatosi in filosofia presso l’Università degli Studi di Milano, si specializza in psicologia sociale.

Il suo lavoro si concentra in una prima fase sull’insegnamento di Jacques Lacan nella storia della psicoanalisi dopo Sigmund Freud, con un interesse clinico per i disturbi alimentari.

A partire da questi studi sulla psicopatologia dei disturbi del comportamento alimentare, Recalcati rivolge interesse alle nuove figure della clinica contemporanea, con particolare riferimento alle cosiddette dipendenze patologiche, al panico, alle depressioni e alle psicosi latenti.

È molto più trasgressivo giurare amore eterno che passare da un corpo all’altro senza alcun vincolo amoroso
Massimo Recalcati

linea

28 novembre 2008 – muore Carlo Moiso

carlo-moisoA Rocca di Papa, il 28 novembre 2008 muore Carlo Moiso: Psicologo, Medico e Psicoterapeuta italiano.

È il primo analista ad introdurre in Italia l’approccio transazionale, fondando nel 1975 l’Associazione Italiana di Analisi Transazionale (A.I.A.T.) e successivamente l’Istituto di Analisi Transazionale (I.A.T.). Di quest’ultimo ricopre la carica di presidente fino alla morte.

Moiso è autore di molti libri ed articoli scientifici sull’analisi transazionale e sulla psicologia transculturale, ha svolto attività di consulenza in molti paesi dell’Europa, dell’Asia, delle Americhe e dell’Australia, occupandosi delle influenze che i così detti “caratteri nazionali” hanno sulla personalità degli individui e dei gruppi.


E tu... cosa ne pensi?