29 Agosto

0
305
Formazione in Marketing per Psicologi

29 agosto 1899 – nasce Octave Mannoni

dominique-octave-mannoniA La Motte-Beuvron, il 29 agosto 1899 nasce Octave Mannoni: Etnologo, Psicoanalista e Letterato francese.

Scrisse la Psychologie de la colonisation, probabilmente la sua opera principale, più tardi criticata da Aimé Césaire e Frantz Fanon.

L’autore cominciò la pratica analitica seguendo Jacques Lacan e si impiegò in un ospedale psichiatrico di Évreux. Divenne quindi psicoanalista associandosi alla “Société psychanalytique de Paris” (SPP).

Con la moglie Maud Mannoni e con Patrick Guyomard, fondò il “Centre de Formation et de Recherches Psychanalytiques” (CFRP) nel 1985 e collaborò alla collana “L’Espace analytique” presso le Éditions Denoël.

Pur essendo affiliato a Lacan, ed averlo seguito e difeso in mezzo alle polemiche, Mannoni ne fu abbastanza indipendente, arrivando ad aderire all’antipsichiatria degli anni 1980.

Un suo libro su Sigmund Freud del 1968 lo rese noto anche in Italia.
Si dedicò oltre alla pratica alla psicoanalisi sotto forma letteraria, scrivendo opere d’impianto saggistico e filosofico in forma di narrazione.

linea

29 agosto 1946 – nasce Remigio Raimondi

remigio-raimondiAd Acerra, il 29 agosto 1946 nasce Remigio Raimondi: Psichiatra e Psicopatologo italiano.

Seguendo l’indirizzo ideologico di Franco Basaglia, ha cominciato a lavorare giovanissimo nel manicomio e nel carcere-fortezza di Volterra, dove avvia un lavoro pionieristico teso a restituire dignità sociale ai reclusi e ai sofferenti psichici, successivamente a Pisa e a Nocera Inferiore.

Come medico dirigente presso l’ospedale psichiatrico di Volterra, ha rivoluzionato la scena terapeutica tradizionale con l´introduzione di metodi e criteri mutuati dal teatro sperimentale e quale primario ospedaliero e territoriale di Massa e Carrara ha promosso la formazione di gruppi di aiuto per alcolisti e la realizzazione dell’Associazione di Auto-aiuto e Mutuo aiuto psichiatrico.

Ha inoltre progettato l´istituzione del “Testamento Psichiatrico“, seguito dalla creazione di una nuova figura professionale: il Facilitatore Sociale, grazie alla quale cittadini con disagio mentale in virtù delle loro esperienze di sofferenza vengono formati per aiutare nei percorsi di emancipazione e di affrancamento altri sofferenti.

linea

29 agosto 1980 – muore Franco Basaglia

franco-basagliaA Venezia, il 29 agosto 1980 muore Franco Basaglia: Psichiatra e Neurologo italiano.

Basaglia fu il fondatore della concezione moderna della salute mentale, riformatore della disciplina psichiatrica in Italia e ispiratore della cosiddetta Legge Basaglia (n. 180/1978) che introdusse un’importante revisione ordinamentale degli ospedali psichiatrici in Italia e promosse notevoli trasformazioni nei trattamenti sul territorio.

Egli matura l’urgenza di migliorare la gestione e la custodia dei malati mentali e critica radicalmente l’istituzione del manicomio come luogo di emarginazione e non di cura, e il perentorio mandato di ridare dignità al malato in quanto persona, fuoriuscendo dall’etichettamento della malattia.

Basaglia è convinto che il folle ha bisogno non solo delle cure per la sua malattia, ma anche di un rapporto umano con chi lo cura, di risposte reali per il suo essere, di denaro, di una famiglia e di tutto ciò di cui anche i medici che lo curano hanno bisogno.

Insomma il folle non è solamente un malato, ma un uomo con tutte le sue necessità. Trattato come uomo, il folle non presenta più una “malattia”, ma una “crisi”, una crisi vitale, esistenziale, sociale, familiare che sfugge a qualsiasi “diagnosi” utile solo a cristallizzare una situazione istituzionalizzata.

La follia è una condizione umana. In noi la follia esiste ed è presente come lo è la ragione
Franco Basaglia

linea

29 agosto 1992 – muore Félix Guattari

felix-guattariA Parigi, il 29 agosto 1992 muore Félix Guattari: Medico, Psicanalista, Filosofo e Politico francese.

Diviene psicanalista presso la scuola di Jacques Lacan e aderisce alla Scuola Freudiana di Parigi.

Come psicanalista fu esponente del movimento dell’antipsichiatria.
Nel 1953 fondò, insieme ad altri la Clinica psichiatrica per psicotici di La Borde a Cour-Cheverny dove lavorò per quarant’anni sino alla morte nel 1992.

Guattari giunse alla notorietà soprattutto per il sodalizio con Gilles Deleuze, filosofo esponente della “renaissance nietzschenne“, con il quale scrisse “L’Anti-Edipo. Capitalismo e schizofrenia” nel 1973: un testo in cui gli Autori accusano la psicoanalisi, di “familiarismo“, ovvero di ripiegare il desiderio sul cosiddetto “romanzo familiare” con la pretesa reificazione della metafora dell’Edipo.

Nel 1987 fonda la rivista “Chimères – Revue des schizoanalyses“.

linea

29 agosto 2003 – muore Robert I. Levy

Ad Asolo, il 29 agosto 2003 muore Robert I. Levy: Antropologo e Psichiatra statunitense.

È celebre per il suo libro Tahitians: Mind and Experience in the Society Islands (1973) che gli è valso la nomina per il National Book Award per la saggistica nel 1974.

Laureato in psichiatria e membro dell’American Psychiatric Association, viene introdotto da Douglas Oliver nel campo dell’antropologia agli inizi degli anni 1960.

Dopo aver trascorso ventisei mesi ad Tahiti pubblica le sue ricerche etnografiche su numerose riviste che poi saranno raccolte nel saggio pubblicato dalla University of Chicago Press.

Nel 1996 entra a far parte dell’American Academy of Arts and Sciences.

linea

29 agosto 2015 – muore Wayne Walter Dyer

wayne-walter-dyerA Maui, il 29 agosto 2015 muore Wayne Walter Dyer: Psicologo statunitense.

Noto soprattutto per aver scritto il libro, Le vostre zone erronee, una “guida all’indipendenza dello spirito” nonchè altri libri di successo indicati alla psicoterapia, tenendo anche seminari e serate di lettura.

Spesso ricalca le proprie esperienze personali rendendone esempio.
I suoi interessi sono anche indirizzati verso la conoscenza spirituale, e prima di morire s’interessò alle interpretazioni di Tao Te Ching.

Sii depresso. Oppure motiva te stesso. Qualunque cosa vada fatta, è sempre tua la scelta
Wayne Walter Dyer


E tu... cosa ne pensi?