5 Giugno

0
338
Formazione in Marketing per Psicologi

5 giugno 1878 – nasce Pierre Bovet

pierre-bovetA Grandchamp, il 5 giugno 1878 nasce Pierre Bovet: Psichiatra e Pedagogo svizzero.

Bovet fu professore di filosofia e psicologia all’Università di Neuchâtel e fondò un quotidiano pacifista chiamato L’Essor nel 1906.

Alla richiesta di Edouard Claparède si trasferì nel 1912 a Ginevra per dirigere l’Istituto Jean-Jacques Rousseau.
Bovet si inserisce nel filone della cosiddetta nuova educazione.

Coltivò importanti rapporti internazionali, che gli permisero, nel 1938, di visitare l’India e di incontrare Gandhi.

linea

5 giugno 1893 – muore Louis Delasiauve

louis-delasiauveA Parigi, il 5 giugno 1893 muore Louis Jean Francois Delasiauve: Psichiatra francese.

Fu direttore presso la Salpêtrière, dove si occupò di pazienti epilettici e portatori di handicap mentali.

Delasiauve è stato un pioniere della neuropsichiatria infantile e un sostenitore della formazione dei disabili mentali. E’ conosciuto soprattutto per la sua ricerca sull’epilessia.

linea

5 giugno 1943 – nasce Jaak Panksepp

jaak-pankseppIn Estonia, il 5 giugno 1943 nasce Jaak Panksepp: Psicologo, Neuroscienziato e Psicobiologo statunitense.

Panksepp ha coniato il termine “neuroscienze affettive“, per indicare il campo delle neuroscienze che studia i meccanismi neurali dell’emozione.

In un esperimento ha dimostrato che i ratti mostrano segni di paura quando dei peli di gatto sono posizionati vicino a loro, anche se non hanno mai avuto esperienza di un gatto nella loro vita. Da ciò Panksepp ha teorizzato la possibilità che molti esperimenti di laboratorio possano essere corrotti dalla presenza di ricercatori proprietari di gatti. Ha inoltre provato a replicare l’esperimento usando peli di cane ma i topi non mostravano segni di paura.

In un documentario del 1999, commenta a proposito della ricerca sulla gioia nei topi: fare il solletico a topi addomesticati faceva loro produrre suoni ad alta frequenza (50Hz), ipoteticamente correlati a ciò che noi definiamo risata.

Panksepp è anche molto conosciuto per la pubblicazione di un paper nel 1979 che suggerisce un ruolo dei peptidi oppioidi nell’eziologia dell’autismo, e che propone una descrizione dell’autismo come “un disturbo emotivo dovuto a un malfunzionamento del sistema degli oppioidi nel cervello“.


E tu... cosa ne pensi?