8 Settembre

0
242
Formazione in Marketing per Psicologi

8 settembre 1823 – nasce Carlo Livi

carlo-liviA Prato, l’8 settembre 1823 nasce Carlo Livi: Fisiologo e Psichiatra italiano.

Laureato in medicina, si traasferì a Firenze per compiere il tirocinio pratico sotto la guida di Maurizio Bufalini.

Dopo l’incarico di direttore nel manicomio San Niccolò di Siena (cui era stato nominato nel 1858) e la nomina a professore di medicina legale e d’igiene, nel 1873 venne chiamato alla direzione del manicomio di Reggio Emilia, che organizzò come centro scientifico per gli studi di psichiatria, divenendo sede della Clinica psichiatrica della Regia Università di Modena.

Nel 1875 fondò la Rivista sperimentale di freniatria e di medicina legale.

Nella città natale gli è stato dedicato un liceo scientifico e linguistico ed è intitolata a lui la biblioteca scientifica dell’ex-ospedale psichiatrico San Lazzaro di Reggio Emilia.

linea

8 settembre 1897 – nasce Wilfred Ruprecht Bion

wilfred-ruprecht-bionA Mathura, l’8 settembre 1897 nasce Wilfred Ruprecht Bion: Psicoanalista britannico.

Fu artefice di importanti elaborazioni della teoria psicodinamica della personalità tali da istituire un filone “bioniano” della moderna psicoanalisi che grazie anche ai suoi contributi, decorrendo dal fondamento freudiano, estende i contenuti teorici e metodologici all’area delle psicosi – particolarmente della schizofrenia – e ai fenomeni di gruppo.

Incaricato del supporto ai militari colpiti da shock psichico in combattimento durante la seconda guerra mondiale, (fenomeno oggi annoverato tra i disturbi da stress post-trumatico) Bion cominciò a sviluppare la sua teorizzazione sui gruppi.

Il lavoro di Bion con i gruppi terapeutici si concluse sul finire degli anni 1950, tuttavia della concezione che l’individuo sia profondamente radicato nel gruppo è intriso tutto il suo lavoro di psicoanalista e di teorico.

In seno al gruppo sociale il mito può pretendere di essere considerato come qualcosa che svolge nella società lo stesso ruolo che il modello occupa nel lavoro scientifico del singolo
Wilfred Ruprecht Bion

linea

8 settembre 1921 – muore Jan Janský

jan-janskýA Černošice, l’8 settembre 1921 muore Jan Janský: Neurologo e Psichiatra ceco.

Gli si attribuiscce la prima classificazione del sangue in quattro tipi (A, B, AB, 0) del sistema AB0 di classificazione dei gruppi sanguigni.

Dal 1899 lavorò in una clinica psichiatrica della stessa città e nel 1914 fu nominato professore.
Durante la prima guerra mondiale Janský prestò servizio per due anni come dottore al fronte finché non fu reso inabile da un attacco di cuore. Dopo la guerra lavorò come neuropsichiatra all’ospedale militare Vojenská nemocnice.

Janský era anche un sostenitore della donazione volontaria del sangue.

linea

8 settembre 1967 – muore Donald Ewen Cameron

donald-ewen-cameronA Lake Placid, l’8 settembre 1967 muore Donald Ewen Cameron: Psichiatra statunitense di origine scozzese.

Secondo Cameron i disturbi mentali, in particolare l’ansietà cronica, erano come una malattia infettiva.
I portatori di tali disturbi, se non internati, avrebbero diffuso e trasmesso i disturbi stessi alla popolazione sana.
Per questo i governi avrebbero dovuto prendere severe misure contro queste persone.

Alla fine degli anni quaranta, Cameron presentò le sue idee in una relazione intitolata Dangerous Men and Women, descrivendovi alcune personalità che egli riteneva pericolose per tutti i membri sani della società, inclusi i bambini: il tipo passivo, il tipo possessivo, il tipo insicuro, lo psicopatico, detto anche “Gestapo“, il più pericoloso soprattutto in situazioni di tensioni sociali e politiche

Cameron credeva che una società governata dalla psichiatria sarebbe stata una società “perfetta” nella quale la scienza avrebbe trionfato su questi membri “deboli“.

linea

8 settembre 2012 – muore Thomas Szasz

Thomas-szaszA Manlius, l’8 settembre 2012 muore Thomas Stephen Szasz: Psichiatra e attivista statunitense di origine ungherese.

Fu professore emerito di psichiatria presso lo Health Science Center, della State University di New York, sede di Syracuse, famoso per essere uno dei principali critici dei fondamenti morali e scientifici della psichiatria, vicino alle convinzioni dell’antipsichiatria.

Sostenne la liberalizzazione delle droghe, dei farmaci e la lotta all’istituto del manicomio e dell’ospedalizzazione forzata attuata nel sistema sanitario degli Stati Uniti, affermando che esistono malattie neurologiche, disordini comportamentali e problemi filosofico-esistenziali, ma non malattie “mentali” in senso stretto, che lui considerava un’invenzione della psichiatria, alla cui pratica non era però contrario se consensuale.

I suoi due libri più noti sono Il mito della malattia mentale e The Manufacture of Madness: A Comparative Study of the Inquisition and the Mental Health Movement, che espongono alcuni degli argomenti cui è più associato.

Un bambino diventa un adulto quando realizza che ha il diritto non solo di essere giusto, ma anche di sbagliare
Thomas Szasz


E tu... cosa ne pensi?