9 Febbraio

0
339
Formazione in Marketing per Psicologi

9 febbraio 1889 – nasce Aline Valangin

aline-valanginA Vevey, il 9 febbraio 1889 nasce Aline Valangin: Scrittrice, Pianista e Psicanalista svizzera.

Lavorò vari anni in Alsazia come insegnante di pianoforte e traduttrice; poi a Zurigo, divenne allieva e paziente di Carl Gustav Jung e diventò psicoanalista.

Con Vladimir Rosenbaum (1894-1984, con cui fu sposata dal 1917 al 1940), offrì a Comologno riparo temporaneo a immigrati come Ignazio Silone, Ernst Toller, e Kurt Tucholsky.

Con Silone ebbe una intensa relazione sentimentale. Fu tra le prime a leggere Fontamara (che nel frattempo lo scrittore stava scrivendo), e trovò l’editore perché lo pubblicasse.
La relazione durò un anno, ma la Valangin restò una estimatrice dell’opera di Silone e nel 1978 fece pubblicare in Svizzera la sua novella La Genèse, del 1931, l’anno in cui si erano conosciuti.

linea

9 febbraio 1952 – nasce Tony Attwood

tony-attwoodA Birmingham, il 9 febbraio 1952 nasce Tony Attwood: Psicologo inglese.

Attwood è autore di numerosi libri ed articoli sulla sindrome di Asperger; la sua pubblicazione più importante è la “Guida alla sindrome di Asperger. Diagnosi e caratteristiche evolutive”, tradotto in venti lingue, che fornisce informazioni su diagnosi, problematiche nelle relazioni sociali, problemi sensoriali, controllo motorio ed altre tipiche difficoltà con cui hanno a che fare le persone Asperger e le loro reti di supporto.

Attwood compare inoltre in svariati video di YouTube, nei quali parla di diversi aspetti della sindrome; alcuni di tali filmati sono sottotitolati in italiano.

Tony Attwood ha pratica clinica presso il suo centro di Brisbane, fondato nel 1992, sulla diagnosi e il trattamento per bambini ed adulti Asperger.

In Italia ha tenuto diverse conferenze e workshop, con l’organizzazione della ONLUS Spazio Asperger ed attualmente è professore associato presso la Griffith University, in Queensland.

linea

9 febbraio 2001 – muore Herbert Simon

herbert-simonA Pittsburgh, il 9 febbraio 2001 muore Herbert Simon: Economista, Psicologo e Informatico statunitense.

Ha analizzato in maniera sistematica il comportamento decisionale degli individui all’interno delle organizzazioni, osservando che costoro non si attenevano ai criteri imposti dalle teorie normative.

In particolare ha evidenziato come la scelta effettuata da un individuo non rispetta gli assiomi fondamentali dell’approccio logico. Quindi un individuo più che fare scelte ottimali, fa scelte soddisfacenti, vuoi per i vincoli svolti dalle organizzazioni, vuoi per i limiti imposti dal sistema cognitivo umano.

Simon è stato anche un pioniere nel campo dell’intelligenza artificiale, creando con Newell i programmi “Logic Theory Machine” e “General Problem Solver” (G.P.S.). Il G.P.S. è stato forse il primo tentativo di separare la strategia di problem solving dall’informazione sui problemi da risolvere.

Il genio e l’influenza di Simon sono evidenziati dai molti premi ricevuti, tra i quali: il premio Turing della Association for Computing Machinery (1975) insieme ad Allen Newell per aver dato “contributi fondamentali all’intelligenza artificiale, alla psicologia cognitiva e al trattamento delle liste” (1975); il Premio Nobel per l’economia “per le sue pioneristiche ricerche sul processo decisionale nelle organizzazioni economiche” (1978); la Medaglia Nazionale per la Scienza (1986); e il premio della American Psychological Association per gli eccezionali contributi alla psicologia (1993).

Siamo portati a dimenticare che il rischio è una componente inscindibile della libertà individuale
Herbert Simon

linea

9 febbraio 2012 – muore Bruno Callieri

bruno-callieriA Roma, il 9 febbraio 2012 muore Bruno Callieri: Psichiatra italiano.

Dopo la laurea in Medicina e Chirurgia, consegue la Specializzazione in Clinica delle Malattie Nervose e Mentali, con una tesi sull’uso delle anfetamine negli psicotici.
Fu docente in Psichiatria ed in Clinica delle Malattie Nervose e Mentali. Trascorre due semestri nella Clinica Psichiatrica di Heidelberg, collaborando col prof. K. Schneider, Docente di Psicopatologia Clinica.

Lavora nei reparti neurologici e di neurobiochimica del Policlinico Umberto I di Roma, e dal 1972 al 1978 è Direttore dell’Ospedale Psichiatrico S. Maria Immacolata di Guidonia (Roma), dove svolge attività di liberalizzazione in favore dei degenti.

Dal luglio 1994 è Presidente Onorario della Società Italiana per la Psicopatologia.

I suoi interessi principali si collocano nell’area della psicopatologia clinica, della fenomenologia esistenziale e della psicopatologia sociale, con frequenti aperture sull’antropologia e le scienze umane nel loro complesso.


E tu... cosa ne pensi?