Scrittura Terapeutica: un progetto che acquista scientificità

5
1145
Parole Evolute - Il libro di Sonia Scarpante
Formazione in Marketing per Psicologi

Scrittura Terapeutica: una prima conferma come metodo scientifico

Segnalo con piacere il lavoro che Sonia ScarpanteScrittrice, Docente di corsi di scrittura terapeutica e Counselor Trainer sta portando avanti con passione e professionalità.

Ho avuto il piacere di conoscerla di persona e credo che Psicologi e Psicoterapeuti che si occupano di sostegno al paziente oncologico hanno un occasione di crescere professionalmente tramite il suo lavoro.

Ai fini di verificare l’efficacia della metodologia ideata da Sonia Scarpante (per approfondire la sua metodologia segnalo il libro: Parole evolute. Esperienze e Tecniche di scrittura terapeutica. Edi Science) è stato realizzato uno studio pilota con un gruppo di scrittura terapeutica diretto da Sonia Scarpante stessa, counselor trainer, con la collaborazione di Michela Pavanetto, Psicologa e Psicoterapeuta, presso la sede Lilt di Mestre.

Lo strumento scelto per stimare il potere della scrittura si chiama WHO-10, un questionario validato che misura il “benessere psicologico” composto da 10 item, su scala Likert 0-3.

Il lavoro si è sviluppato in sei incontri con temi specifici legati all’approfondimento dell’interiorità e alla cura di sé. Nella prima giornata del corso le partecipanti sono state invitate a compilare tale questionario e poi riproposto nell’ultimo incontro.

Una volta terminato il seminario, con il supporto del CNR di Roma, nella persona di Marco Pagani, ricercatore anche presso l’Universita di Stoccolma, è stata eseguita una analisi statistica dei punteggi grezzi ottenuti dal questionario.

Dai risultati emerge una significatività statistica pari a p<0.05, una prima conferma dell’efficacia del metodo che sarà supportata da ulteriori studi da eseguire su gruppi nuovi di lavoro con la scrittura terapeutica, il cui obiettivo sarà finalmente avere in mano un metodo terapeutico evidence based.

Gli sviluppi della ricerca sulla scrittura terapeutica e le novità sul lavoro di Sonia Scarpante verranno segnalate su questo blog.

Maggiori informazioni sulla scrittura terapeutica potete trovarle sul nostro portale Idea Psicologo.


5 COMMENTI

  1. Se devo essere sincera ho seguito il corso di scrittura della sig.ra Marinella Scarpante e non solo non ho percepito novità nel metodo ma non mi è servito a nulla. La sig.ra Scarpante è troppo presa dal suo egocentrismo personale per degnarsi di capire una persona che ha vissuto veramente la sofferenza come io sono. Sconsiglio alla persona saggia una tale esperienza. Se avete problemi rivolgetevi allo psicologo e non ad un architetto!

    • Salve Sandra, ti ringrazio per aver commentato l’articolo.

      Mi dispiace per la tua esperienza negativa con la Scrittura Terapeutica di Sonia Scarpante, esperienza che si discosta molto dai risultati evidenziati nello Studio Pilota che, ricordo, è svolto in collaborazione con la dott.ssa Pavanetto, Psicologa e Psicoterapeuta e con il CNR (National Research Council) di Roma.

      Sono certo che, con la disponibilità che la contraddistingue, Sonia Scarpante saprà fornirti, se lo desideri, maggiori informazioni sulla sua metodologia e sui risultati ottenuti.

    • Gentile Signora,

      ho letto con dispiacere le sue riflessioni e devo aggiungere, in onor di giustizia, che non è quello che riscontro puntualmente dai miei corsi di scrittura terapeutica che porto avanti anche in strutture sanitarie con operatori.

      Mi sembra giusto offrirle ancora possibilità future, se lei lo vorrà, per far parte di nuovi gruppi di scrittura anche per uno scambio di crescita personale e professionale e capire qual è il problema.

      Credo che anche qualche parere discordante sia sempre motivo di riflessione e di crescita e quindi anche in questo caso apprezzo le sue parole.

      Sarà sempre gradita ospite in uno dei miei corsi. L’aspetto con gratitudine. Cordiali saluti e grazie, Sonia.

  2. Gent.mo Dott. Cascia, sono molto interessato al tema della scrittura e della narrazione in ambito clinico e sono convinto che l’attuale cartella clinica in ospedale debba essere integrata con le riflessioni da parte del paziente e del medico e dell’infermiere curanti. Ho cercato qualche informazione in più sullo studio pilota ma non ho trovato riferimenti tra i lavori del CNR e del dott. Pagani e della dott.ssa Pavanetto, responsabile dello studio. E’ stato pubblicato il lavoro? Mi piacerebbe leggerlo anche per meglio comprendere i criteri di selezione delle persone (età, patologie, sesso…) e la logica del metodo. Credo tuttavia che per avere una maggiore veridicità scientifica uno studio debba essere condotto su un campione prestabilito di partecipanti e che tale campione non può essere ridotto perché influirebbe negativamente sulla qualità del risultato finale (con gruppi di 10 persone risulta ardito trarre conclusioni universali). La ringrazio e la saluto cordialmente.
    Gianni Ardesio

    • Gentile Ardesio, innanzitutto la ringrazio per il commento, è sempre utile poter arricchire le informazioni con il contributo dei lettori del blog.

      Lo “studio pilota” è solo l’inizio di un percorso che si sta facendo sulla Scrittura Terapeutica.

      Al momento, quello che è stato fatto è una sorta di monitoraggio del benessere psicologico riscontrato prima e dopo i corsi effettuati.

      I risultati emersi sono sicuramente incoraggianti, sembra esserci un aumento del benessere psicologico, ma, ripeto, si tratta solo di un primo monitoraggio che va certamente approfondito con ulteriori studi per avere una veridicità scientifica.

      Non c’è quindi uno studio pubblicato cui poter fare riferimento ma solo un lavoro fatto dalla dott.ssa Pavanetto con il supporto del dott. Pagani (che è stato consultato in quanto ricercatore del CNR).

      La notizia, a mio avviso molto interessante (che mi ha spinto a pubblicare l’articolo) è che attorno alla Scrittura Terapeutica di Sonia Scarpante si stia lavorando in modo professionale e senza pregiudizi.

      Mi auguro di poter presto pubblicare su questo sito nuovi studi sulla Scrittura Terapeutica che ritengo essere un metodo efficace per il benessere psicologico della persona.

E tu... cosa ne pensi?